Scontro generazionale: Pharmanutra raccontata al nonno

Scontro generazionale: Pharmanutra raccontata al nonno

Qualche giorno fa Marta, aspirante informatrice scientifico-commerciale, è andata a trovare suo nonno. Dopo qualche scambio d’ordinanza e vari aggiornamenti di rito sul come stai, ti vedo dimagrita, il tuo ragazzo ecc. finiscono a parlare di lavoro.

M: “Sì nonno, per adesso sono ancora in quel locale in centro, insomma niente di nuovo….però ho appena spedito un curriculum a Pharmanutra
N: “O cos’è?”
M: “E’ un’azienda nutraceutica di Pisa che…”
N: “No no aspetta….nutra che?!?! Oh come si scrive?”
M: “N-U-T-R-A-C-E-U-T-I-C-A.”
N: “Ah….e che vor dì?”
M: “E’ una parola che unisce “nutrizione” e “farmaceutica“, in pratica riguarda quegli alimenti che sono anche farmaci e quei farmaci che sono anche alimenti, capito?”

A quel punto il nonno annuisce in quel modo un po’ stordito e disorientato tipico di chi non ha capito mezza parola di quello che gli è appena stato detto.

Marta, che è una ragazza sveglia e intelligente, se ne accorge e cambia strategia: “Hai mai sentito parlare di integratori nutrizionali? Ce ne sono di diversi tipi e servono per tante cose…tipo  quelli che prende Rachele (la sorella di Marta) per l’anemia, sono integratori di ferro”

N: “Ah…ora ho capito”
M: “Ecco, però fanno anche altre cose a Pharmanutra, poi mi sembrano in gamba, per come si presentano e come si muovono sul mercato, devono avere un ufficio comunicazione davvero tosto”.
N: “Ma Rachele come sta?”
M: “Bene bene….poi so che sono tra i principali innovatori della tecnologia sucrosomiale, in pratica grazie ad una membrana fosfolipidica ultradispersa in sucrestere l’assimilazione del ferro avviene direttamente a livello enterico senza interagire con le mucose dello stomaco e dell’intestino in modo da favorirne l’assorbimento”
N: “Mh….e te cosa faresti di preciso in questa farmanutria?”
M: “Con le nutrie niente (ride)….comunque gli informatori scientifico-commerciali sono quelli che parlano con i medici di base, con i dottori e vanno nelle farmacie e negli ospedali per proporre i prodotti dell’azienda”
N: “Ah, il rappresentante!”
M: “Beh….in realtà è molto di più”
N: “In bocca al lupo allora!
M: “Crepi!”
Condividi