Suonare una nota sbagliata è insignificante, suonare senza passione è imperdonabile, Ludwig Van Beethoven

Suonare una nota sbagliata è insignificante, suonare senza passione è imperdonabile, Ludwig Van Beethoven
Cosa intendiamo esattamente quando parliamo di passione? Ma soprattutto, c’è davvero qualcuno capace di darne una definizione plausibile? Si può davvero chiuderla a chiave in una scatola, applicarci su un’etichetta e poi lasciarla lì dentro ad ammuffire? Probabilmente no. La passione non si impara e non si insegna, non si crea né si distrugge, la passione fa già parte di noi stessi, bisogna soltanto riconoscerla, coltivarla quotidianamente, nutrirla con le nostre esperienze, la nostra creatività e il nostro amore.
La passione è gioia di vivere, senza di essa non sapremmo apprezzare a pieno la bellezza che ci circonda, le persone che ci stanno vicino, nemmeno il nostro lavoro.
La passione è quella cosa che ci spinge a cercare continuamente l’amore della nostra vita, che ci fa guardare sempre avanti per realizzare i nostri sogni, che ci riempe gli occhi di orgoglio e speranza.
Se la passione non esistesse non avremmo potuto stringere tra le mani i capolavori di Shakespeare, non avremmo mai potuto ammirare i dipinti del Caravaggio o udire le parole di Martin Luther King.
La passione abbatte le barriere del tempo, per questo le sue testimonianze sono arrivate fino a noi sotto varie forme, è una fiamma che non si spegne mai, uno spirito libero che non conosce confini ed è capace di trascendere il contesto storico, le mode, la condizione sociale e a volte anche le capacità tecniche, come ci suggerisce la frase di Ludwig Van Beethoven citata nel titolo.
Non tutti lo sanno, ma il celebre compositore tedesco non ha avuto una vita facile, soprattutto durante i primi anni della sua vita nei quali è stato trattato in maniera piuttosto brutale dal padre alcolizzato. A peggiorare le cose la scoperta, all’età di 26 anni, della malattia che lo porterà inevitabilmente alla sordità totale.
Vi immaginate cosa avrebbe mai prodotto un musicista con gravi problemi di udito e una situazione familiare del genere senza passione? Niente, o comunque niente di davvero rilevante per il resto dell’umanità.
La passione è un sentimento che va condiviso, una delle più grandi forme di comunicazione a nostra disposizione e come tale è giusto sfruttarla per arrivare alla testa e al cuore delle persone.
Condividi